Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2012

Oggi è una giornata per far qualcosa di buono (piccolo, ma buono).

Per prima cosa, ho piantato un albero. Ok, non ho esattamente piantato un albero, ma in pratica ho fatto in modo che qualcuno lo faccia da parte mia (leggete il post precedente).

Seconda cosa, ho fatto un regalo a Nathan Fillion.
Cosa c’è di buono nel fare un regalo ad un attore straricco che neanche ti conosce? Detta così sembrerebbe nulla, ma in realtà…
Charity Water ha l’utopistico obiettivo di portare acqua potabile a tutte le persone del globo. Ogni donazione contribuisce. Non ho mai fatto regali a vip (e perché avrei dovuto?), al massimo un twit di auguri, ma stavolta Nathan ha aperto questa campagna di raccolta per festeggiare e mi sono detta che sarebbe stata una buona idea. Nathan Fillion fa 41 anni epersone da tutto il mondo hanno donato in suo nome quasi 47.000$.

E già che ci siamo… su Avaaz potete firmare un tot di petizioni, se vi interessa. Oggi quella in rilievo è contro la legge che in Marocco permette di scagionare gli stupratori se sposano le vittime del loro crimine…

Triplice beneficenza a impatto e costo (quasi) zero oggi. Il motivo per cui l’ho scritto qui non è per farmi ammirare (che ve ne frega a voi di ammirare una che neanche sapete chi sia?), ma per pubblicizzare nel mio piccolo qualcosa di importante.

Shiny!

Read Full Post »

Da oggi il mio blog indossa un albero!

Da oggi posso finalmente urlare al mondo che il mio blog è a impatto zero!

Partecipando alla lodevole iniziativa ambientalista promossa da DoveConviene.it, il sito che aggrega tutti i volantini promozionali e li rende consultabili online, ho permesso ad un nuovo albero di vedere la luce in una zona boschiva a rischio di desertificazione.

L’iniziativa è molto semplice: per ogni blog che aderisce al progetto DoveConviene pianta un albero la cui produzione di ossigeno andrà a compensare le emissioni di anidride carbonica prodotte dal mio sito.

Forse non tutti sanno che in media un sito internet si fa carico ogni anno dell’emissione di 3,6 kg di CO2, a fronte di ciò invece un albero è in grado di assorbirne fino a 5 kg all’anno. Il bilancio finale è a favore dell’ossigeno, il mio blog ne guadagna, l’ambiente ne guadagna e con lui tutti noi.

DoveConviene tramite l’attività di distribuzione di volantini in formato elettronico si sta facendo portavoce di una nuova tendenza mirata alla diminuzione dell’utilizzo e spreco di carta per scopi pubblicitari. Tutti i più popolari e diffusi volantini, come quelli di Darty,
Prenatal,
Acqua e sapone,, sono ora disponibili anche online, consultabili al pc ma anche tramite apposite applicazioni per iPhone, iPad e Android.

I volantini inoltre sono facilmente consultabili, eccone degli esempi:

Expert volantino -> http://www.doveconviene.it/volantino/expert

Leroy-merlin volantino -> http://www.doveconviene.it/volantino/leroy-merlin

Trony volantino -> http://www.doveconviene.it/volantino/trony

In 12 mesi di attività sono stati già piantati più di 1.000 alberi, ma l’iniziativa non si ferma qui e per i prossimi mesi la sfida lanciata è ancora più ardua: piantare altri 1000 alberi entro la fine di agosto. Se l’intento riuscirà altri alberi verranno aggiunti al computo totale come premio alla zelanza dei blogger italiani. Perciò partecipiamo tutti numerosi!

Per chi vuole approfondire nel dettaglio sull’iniziativa vi invito a visitare http://www.iplantatree.org/project/7

Ringrazio The Emerald Forest per avermi fatto conoscere questa iniziativa. Da oggi avrò un blog ecologico! Io pubblico questo post, metto un’iconcina, mando una mail ai tizi per avvisarli e ho fatto qualcosa di fyko! Come funziona? Ce lo dicono loro…

Come fa 1 albero a neutralizzare la produzione di CO2 del tuo blog?
Quanta CO2 produce il mio blog? Secondo il Dr. Alexander Wissner-Gross, attivista ambientale e fisico di Harvard, un sito web produce una media di circa 0,02 g di CO2 per ogni visita. Assumendo 15.000 pagine visite al mese, questo si traduce in 3,6 kg di CO2 l’anno. Questa produzione è legata soprattutto al funzionamento dei server.
Quanta CO2 viene assorbita da un albero? Dipende da diversi fattori, ma la Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) calcola che un albero assorba ogni anno in media circa 10kg di CO2. Noi consideriamo prudentemente 5kg l’anno per ogni albero.
Un albero neutralizza le emissioni di CO2 del tuo blog, per 50 anni! Come mostra il conto sopra indicato, il tuo blog produce almeno 3,6kg di CO2 l’anno, un albero ne elimina 5 e vive in media 50 anni! Aiutandoci a piantarne uno, insomma, puoi continuare a scrivere sul tuo blog per il prossimo mezzo secolo!
Assumendo che 15.000 visite mensili sono una previsione assolutamente ottimistica (ho superato le 1.000 solo negli ultimi due mesi)… il mio piccolo blog produrrà moooolto più di quanto consumi!
Andate a leggere il tutto qui. Fatelo anche voi con le vostre cyber-pagine!

Read Full Post »

Bad crush on him

Ok, ha fatto una serie di film che… lasciamo perdere… però… ♥♥♥

Read Full Post »

SPOILER episodio di stanotte, 47 Seconds. Siete stati avvisati!

00:50 Ok, mi sono spaventata

01:27 Ma che ci fanno questi sulla scena di un’esplosione? Non credo sia un caso della omicidi… o sbaglio?

04:10 Piccolo Ricky…

05:10 OMG, credo che morirò…
Esposito,  la smettiamo?!?!?!

08:38 Questo cartello è geniale XD

15:15 …. tensione… tensione… tensione…
Ryan, io ti ammazzo!!!  Dannazione, andate in un cacchio di bugigattolo se avete cose importanti da dirvi. E spegnete i cellulari, per la madonna…
Finirà che Castle ce l’avrà con lei, me lo sento… -.-

19:22 L’avete vista? La maglietta del tizio? 😀

22:45 Dai, regà… quello non aveva la X sopra…
Ispanico? o.O E’ la fiera dell’intercultura?

24:35 Muhahahahaha… lo intorta per dargli le scartoffie… Grande Iron!

28:26 Omioddio sta arrivando…

29:30 Cazzocazzocazzocazzo s’è incazzato…

30:05 Sembra il posto di Cops & Robbers…

30:33 Dai, Rick, non puoi pensarla davvero così…

31:13 Cosa? Torni per il lavoro? Sul serio? Ma sei davvero tu? o.O
Martha saggia…
Watch me… pesante…

22:58Amnesia sounded like a better plan” “Yeah
Così mi ferisci T_T

35:56 Ok, il primo l’ho beccato un quarto d’ra fa… ora mi dite che ce n’è un altro… punto sul cameraman e la sua lucina rossa…
Cmq è strano vedere Ryan in jeans…

40:25 No, era direttamente lei…

42:00 Kate, devi alzare il culo, non c’è altra soluzione… D’altro canto si sa che stiamo aspettando tutti te, quindi non capisco perché dovrebbe essere lui a parlare ancora. (Un motivo c’è… perché se aspettiamo i tuoi tempi faccio prima a diventare nonna).

La puntata è stata piuttosto figa (rispetto alla precedente, poi). Purtroppo la cosa della maglietta di Beethoven era molto evidente, quindi ha perso un po’ di colpo di scena.
Però sono abbastanza infastidita, la reazione di Castle alla scoperta che ha fatto è davvero strana, non mi sarei aspettata qualcosa del genere. Spero che Marlowe non ci voglia schiacciare ancora a lungo, ma che ci dia qualche rassicurazione e speranza… Andy, devi voler bene ai tuoi fan, miseriaccia!

Read Full Post »

Quando andavo al liceo il Blockbuster era qualcosa di figo. Non c’erano ancora i film in streaming allora e anche i dvd erano in fase di difusione, non tutti avevano ancora abbandonato i videoregistratori in favore della nuova tecnologia. C’era un Blocbuster abbastanza vicino a scuola ed era la nostra meta quando volevamo trovare un film da vedere fra amici qualche pomeriggio o nelle sere di pigiama party. “Ci guardiamo un horror per Halloween?” “Va bene, prendiamo Long time dead.” Ancora ricordo la testata che si sono tirate due amiche l’una con l’altra in una scena di tensione. Usavamo la tessera delle nostre madri; la mamma di Ele aveva perfino lasciato una restrizione in modo che non noleggiasse film non consoni alla nostra età. Poi sono arrivati i 18 anni e abbiamo avuto la nostra tessera personale. Potevamo noleggiare a nome nostro tutto quel che volevamo. Essere diventata maggiorenne non significava un graché per me, ma questo era un privilegio che mi faceva piacere avere. Anche se il mio cognome è stato stampato sbagliato sul retro della schedina.

 Ora la catena sta chiudendo. I negozi più vicini a casa mia smetteranno di funzionare domani e devo dire che mi dispiace, come mi è dispiaciuto quando, qualche anno fa, hanno chiuso quello in cui andavamo dopo la scuola. Le nuove generazioni non avranno il Blockbuster, ormai si trova tutto su internet e io sono la prima a trarre vantaggio queste nuove modalità di diffusione; ciononostante un po’ di nostalgia verrà quando passerò davanti alle vetrate da cui fino a ieri si potevano scorgere decine, centinaia di film.

Nelle ultime settimane siamo andati più volta a fare sciacallaggio in un paio di punti vendita nei paraggi. In sella alle nostre bici e via, a far scorta di film fra i 50 cent e 1,50€.  Senza il fuori tutto avremmo risparmiato, ma grazie ad esso mi sono portata a casa un interessante malloppo. Alcuni senza custodia, altri ex noleggio, ma comunque degli affari:

DVD
1. Fantastic Mister Fox
2. Scott Pilgrim VS the world
3. Ladri di cadaveri
4. Robin Hood
5. Millions
6. La dura verità
7. Kick-ass
8. Simon Konianski
9. EDtv

BLU-RAY
10. An education
11. Somewhere
12. (500) giorni insieme

Dodici titoli per una spesa totale di 14,50 €.
Ok, immagino che a voi interessino relativamente i miei affari, ma avevo voglia di condividere lo stesso le mie conquiste.

Di questi non ho ancora visto Ladri di cadaveri, Simon Konianski e Somewhere. Robin Hood di Scott dovevo averlo perché sono una fan del personaggio in tutte le sue salse. An education lo lumavo da tempo e alla fine ho ceduto. Il prezzo basso mi ha convinto a comprare tutti questi… la spesa più folle è stata 5 € per (500) giorni insieme.

Domani sarà un giorno senza Blockbuster. Grazie di tutto!

Read Full Post »

Difficile… ieri ho detto che sono una pessima lettrice, no? Generalmente io prima guardo il film e poi leggo il libro e lo faccio nel caso in cui il film mi sia piaciuto. Quindi possono esserci pure brutti adattamenti cinematografici a bei romanzi, ma se non mi è piaciuto il film il libro non passa fra le mie mani, quindi… come potrebbe essere il mio giudizio davvero valido se non posso fare un paragone?

Sceglierò fra storie che NON ho letto, ma i cui film NON mi sono piaciuti, come… boh… Le cronache di Narnia? In fondo c’è di peggio… Eragon? Vabbé…
Mi scoccia sparare sulla croce rossa, ma… dai… i libri non possono essere pessimi come i film di questa saga (o forse sì?)

Eclipse di David Slade

Non c’è niente da fare, io Bella Swan non la sopporto. Posso tollerare la fatina Edward, ma lei proprio no.
Ammetto che sono partita con un pochetto di pregiudizi verso questa serie, ma ammetto allo stesso tempo che il primo film non l’avevo trovato pessimo. Dire che mi era piaciuto sarebbe esagerare, ma comunque si lasciava vedere. Sono il secondo e il terzo capitolo ad essere stati osceni. Lenti, noiosi, ultra-ripetitivi. Li ho visti tutti, so di cosa parlo. Bella ed Edward (o in altri momenti, Bella e Jacob) passano tutto il tempo a sussurrarsi cose ad un centimetro l’uno dall’altra e sono sempre le stesse cose. Ti amo, però… Non ti lascio, tuttavia ti devo lasciare… Potrei, ma non voglio (fidarmi di te)…  mamma, che asciugo!!! Quella ragazzetta che sospira per tutto il tempo, ha perennemente l’aria disgustata (sono stata sorpresa da un suo sorriso nell’ultimo film!) e crede di essere l’unica al mondo ad avere problemi e a non avere nessuno che la capisce… ragazza, non è che sei predestinata ad amare un vampiro… si chiama a-d-o-e-s-c-e-n-z-a, ci passano tutti! Qualcuno le tiri una scarpata da parte mia, please!

Indicazioni per la visione:
Angst insensato ad alti livelli. Sceneggiatura da far accapponare la pelle. Scene ripetitive e lagnose. Vampiri che brillano.
Io li ho visti tutti per conoscere il mio nemico (il mio vero nemico sono i film tratti da Moccia, però. Questi sono più innocui).
Non c’è bisogno di guardarlo…

Read Full Post »

Ahia… ahia…
Problema: sono una pessima lettrice. Non è che non mi piaccia leggere, non è così, ma ho due/tre di difficoltà:
– vado a periodi. In certi momenti dopo aver finito un libro vago per casa alla ricerca di qualcos’altro che mi alletti, in altri (la maggior parte) non leggo nulla perché guardo più che altro film (o telefilm);
– non amo i bestseller, quei libri appena usciti che tutti vogliono leggere e di cui tutti parlano. Di solito vado alla ricerca di libretti più piccini che la massa non conosce. Non ho letto Il codice da vinci, L’ignoranza del riccio, Il cacciatore di aquiloni. Un libro devo sentirlo mio;
–  lascio in sospeso i libri (e mi odio per questo). Avrò iniziato tre volte I fiori blu e altrettante Malcolm, i cavalieri di Rohan stanno cavalcando da un anno e più in mezzo alle pianure dell’Uncazzo… ma non so se arriveranno mai a destinazione.
Pessima, pessima lettrice.

Per questo non so bene che scegliere. Nella mia vita non ho letto tantissimo e raramente ho letto cose che sono diventate film. Avevo comprato Big Fish quando avevo scoperto che ci avrebbero fatto un film e… beh, in effetti sono belle entrambe le versioni. Ero indecisa se acquistare Skellig (a proposito dei libri che la massa non si fila), ma vedere in quarta che ci avrebbero fatto un film con Tim Roth mi ha dato la spinta per farlo. Il libro è curioso, anche se non eccezionale. Alla fine il film era un film inglese per la tv che non è quindi arrivato in Italia e che devo ancora vedere. D’altro canto c’è John Simm, quindi lo farò!
Per il resto… boh… sono un’amante di Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie, ma nessun film è all’altezza del libro. Potrei citare Harry Potter, ma non mi sembrerebbe giusto farlo perché io mi sono affezionata PRIMA ai film e POI ai libri (tra l’altro ne ho letti solo tre), quindi il mio giudizio è sfalsato.

Boh… farò una scelta di comodo (non pretendo di dire che sia il best in assoluto, anzi, sicuramente non è così, ma sto parlando di me, no? Dei film importanti per la mia vita, non pretendo di cercare sempre un’oggettività). Anche in questo caso ho prima visto il film e poi letto il libro. Forse facendo il contrario non mi sarebbe piaciuto, ma chissà…

Stardust di Matthew Vaughn

Piuttosto diverso dal libro del grande Neil Gaiman, il film di Stardust è divertente, tenero e affascinante. Il protagonista Tristan (chissà dove si è persa quella R in più nel nome originale?) è adorabile. Capitan Shakespeare (Robert De Niro) è una vera forza e devo dire che come aggiunta alla storia è molto buona. Il racconto di base resta lo stesso: Trist(r)an, giovane un po’ sfigatello, vuole conquistare il cuore di una donzella che sta per andare in moglie ad un altro. Per convincerla le promette che come pegno d’amore le porterà una stella cadente (caduta). Parte in viaggio per recuperare quella appena vista precipitare e… beh… in questo mondo fantasy è normale che le stelle siano fatte come le persone. E’ normale che ci siano buffi ometti pelosi, navi volanti, fiori magici. Il ragazzo parte dal suo villaggio inglese, supera il muro (cosa vietatissima) per entrare nel regno del fantasy e portare a termine la sua missione. Non è l’unico a desiderare la stella, però. Le tre Lilith ne bramano il cuore per mantenere (ristabilire) la loro giovinezza, i sovrani di Stormhold la cercano perché serve loro il medaglione che ha al collo…

Stardust è uno dei pochi libri che sono riusciti a farmi commuovere davvero, commuovere con le lacrime (c’è stato un altro libro per cui per poco non mi mettevo a piangere in metropolitana… Consiglio personale: leggete Uomini e topi perché è splendido, ma non fatelo in pubblico). Il finale del flm è molto più rassicurante e devo dire che mi ha fatto più piacere, non me ne voglia il signor Gaiman, né i suoi fan. Il film è più… Hollywoodiano… con happy ending e tutto…

L’anno scorso poi mi sono comprata l’edizione del libro illustrata da Charles Vess. Spesa di 25€, ma troppo bella…

Indicazioni per la visione:
E’ un film davvero molto carino. Il regista è lo stesso di Kick-Ass e X-Men – L’inizio (e lo stesso vale per la sceneggiatrice, Jane Goodman).
Niente è più romantico di una donna ferita, rapita e offerta in dono.

Read Full Post »

Older Posts »