Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2015

Tiriamo le somme di questo primo mese del 2015 rispetto alla sfida di lettura in cui mi sono imbarcata. Ricordo che faccio valere le combo, un libro può appartenere a più categorie. Anzi, mi sono divertita anche a cercare titoli che potessero “farmi fare punti” (e che nel contempo mi interessassero, è evidente).

GENNAIO
4 libri
14 punti

reading challenge 01 gennaio

ESERCIZI DI STILE di Raymond Queneau
(nonfiction book, set in a different country*, originally written in a different language*)
Queneau ha scritto una scena, un avvenimento semplice e quotidiano. Poche righe per parlare di un incontro sul tram. Pagina dopo pagina riprende quella singola scena e cambia lo stile. Diventa pomposa, uditiva, americaneggiante, poetica, matematica, volgare… Una sperimentazione della grammatica e della lingua, della fantasia e le figure retoriche che mostra quanto si può giocare con le parole. Sorprendente!

UNA FAMIGLIA AMERICANA di Joyce Carol Oates
(more than 500 pages, female author, made you cry, by an author you’ve never read before)
I Mulvaney. Una numerosa famiglia dell’america rurale del secolo scorso con uno stretto legame e una forte identità (di gruppo e di ognuno dei suoi membri). Ma un terribile avvenimento capitato all’unica figlia femmina (all’inizio il libro sta sul vago, ma tutti i lettori già sanno di che evento si tratterà) sconvolgerà gli equilibri e le relazioni per i decenni a venire.
Una bella lettura. In un paio di punti c’era da lottare per non piangere sulla metropolitana *___*

BOOM di Mark Haddon
(one-word title, by an author you love that you haven’t read yet, set in high school, you own but you never read)
L’autore è quello de Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte (che adoro). Avevo il libro da qualche mese sullo scaffale e ho deciso che era il momento di leggerlo. Si potrebbe finire in un solo giorno, ma non ce l’ho fatta. Di che parla? Di un ragazzino che sente per caso due professori che parlano in una lingua sconosciuta. Saranno stranieri? O forse alieni? Un libro simpatico e senza impegno. Carino.

DEADLY HEAT di Richard Castle
(mystery or thriller, set somewhere you’ve always wanted to visit,  based or turned into a TV show)
Adoro la serie tv Castle, non potevo non avere i libri su Nikki Heat. Solitamente non leggo thriller, ma a questi non ho saputo resistere, anche se di solito tra il momento in cui li compro (per puro collezionismo da fan) e quello in cui li leggo passa spesso diverso tempo. Complice un ritorno di fiamma per la serie tv (gli ultimi due episodi sono stati davvero simpatici), mi sono ributtata anche su quella di libri. Per gli amanti della serie è un vero divertimento cogliere i richiami e le citazioni.

IMG_0550

Mi dico soddisfatta di questo primo mese. Ora ho già recuperato due libri in biblioteca che saranno le mie prossime letture. La sfida è appena cominciata. E continua!

* categorie che valgono per la gran parte dei libri che leggo

Read Full Post »