Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Reading Challenge 2015’ Category

Si è concluso anche aprile con solo un altro paio di libri per la sfida (un terzo che ho letto non sono riuscita a infilarlo in nessuna categoria. Facciamo il punto:

APRILE

2 libri

5 punti

11° TRILOGIA DI NEW YORK di Paul Auster (based entirely in ita cover, year you were born, trilogy) Ho comprato questo libro anni fa senza saperne nulla, ispirata solo dalla copertina è da quel che diceva sul retro. L’avevo anche iniziato per abbandonarlo dopo breve tempo. Probabilmente non era il periodo giusto per leggerlo. Adesso mi è piaciuto davvero moltissimo. Mi ha affascinata e colta alla sprovvista. Tre racconti slegati, ma legati. Ottimamente scritti, una soddisfazione per gli occhi. Le pagine finali sono state una vera sorpresa. Parlano i personaggi di un testo della vicenda, ma anche Auster sembra parlare della sua stessa Trilogia. 🙂

12° HIGH AND DRY – PRIMO AMORE di Banana Yoshimoto (number in the title, magic) Sui numeri nel titolo… Nessuno ha specificato se ordinali o cardinali! Ha deluso le mie aspettative anche se non avevo mai letto nulla di Banana Yoshimoto. Una quattordicenne che ragiona come una venticinquenne. Personaggi che non fanno altro che parlare e parlare, mettendo a nudo le proprie anime con perfetti sconosciuti. Ok che io sono troppo introversa, ma qui si esagera!

 

TOT: 12 libri, 37 punti

Read Full Post »

Dato che faccio parte di un gruppo teatrale e siamo in cerca di un progetto per concludere il secondo anno del nostro percorso (YAY!!!), marzo è stato dedicato in buona parte alla lettura di copioni vari che mi hanno un po’ distratta dalla Challenge. In ogni caso ecco cosa ho letto questo mese:

MARZO

3 libri

9 punti

reading challenge march

BIGLIETTO D’AMORE di Laura Mancinelli (bottom to-read list, supposed to read in school, author with same initials, never finished) Diciamocelo, l’ho letto solo per far punti per la challenge. L’avevo iniziato al liceo, senza finirlo e l’autrice ha le mie iniziali. Non mi ispirava molto e effettivamente non mi è piaciuto. Uno stile semplice che non mi ha preso. Personaggi che praticamente non incontrano difficoltà perché quando succede si risolve tutto in un volemosebbene. Anche coi banditi. Mah…

 LA COMICA TRAGEDIA O LA TRAGICA COMMEDIA DI MR PUNCH di Neil Gaiman e Dave McKean (a friend recommended, finish in a day, graphic novel) Suggestivo, onirico e inquientante. D’altra parte è un fumetto di Neil Gaiman.

10° IL SIGNORE DELLE MOSCHE di William Golding (popular author’s first book, banned book) Era un po’ che avrei voluto leggerlo e la Challenge mi ha dato lo sprone per farlo. Credo sia l’unico libro che mi abbia costretta a chiuderlo per qualche secondo per riprendermi da una cosa che avevo letto e non mi aspettavo. Ero in metropolitana e mi sono ritrovata turbata e disturbata. Wow.

reading challenge march 2015

TOT: 10 libri, 32 punti

PS: sono molto indecisa nella scelta del libro premio Pulitzer. Penso che opterò per un titolo fra: Pastorale americana, Le ore, La strada, Il tempo è un bastardo. Sì, ma quale? Consigli?

Read Full Post »

Il secondo mese del 2015 è passato e la mia sfida di lettura è proseguita. Ecco gli aggiornamenti.

FEBBRAIO

3 libri

9 punti

reading challenge 01 febb

RAGIONE E SENTIMENTO di Jane Austen
(classic romance, more than 100 years old, antonyms in the title, love triangle)
Per una storia d’amore classica mi sono affidata a Jane Austen. Scelta facile. Di suo avevo letto solo Orgoglio e pregiudizio (visto e letto in tutte le salse… bollywood, zombie, film, miniserie, spin-off, web-series…) e stavolta ho optato per un titolo che conoscevo, ma che non avevo mai affrontato. Vorrei averlo letto con più attenzione, ma in sto mese, fra impegni vari, ero un po’ con la testa per aria.

IL LIBRO DEGLI ERRORI di Gianni Rodari
(short stories, book from my childhood)
Da bambina avevo letto a scuola alcune parti di questo libro e, avendole trovate divertenti (evidentemente ero un po’ grammar nazi anche allora), mi ero fatta comprare il libro. Ovviamente avevo poi riletto solo quelle parti che mi erano piaciute e poco più. Grazie a questa sfida ho tolto la polvere da questo libro e l’ho finalmente letto. Carino 🙂

L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO di Oscar Wilde
(became a movie, funny book, play)
Studiato a scuola, ma mai letto. Ai tempi adoravo il film con Firth e Everett e devo dire che è molto fedele all’opera originale. Davvero divertente, soprattutto le battute di Lady Bracknell.

11021434_10206240326314919_7986916236418162874_o

TOT: 7 libri, 23 punti

Read Full Post »

Tiriamo le somme di questo primo mese del 2015 rispetto alla sfida di lettura in cui mi sono imbarcata. Ricordo che faccio valere le combo, un libro può appartenere a più categorie. Anzi, mi sono divertita anche a cercare titoli che potessero “farmi fare punti” (e che nel contempo mi interessassero, è evidente).

GENNAIO
4 libri
14 punti

reading challenge 01 gennaio

ESERCIZI DI STILE di Raymond Queneau
(nonfiction book, set in a different country*, originally written in a different language*)
Queneau ha scritto una scena, un avvenimento semplice e quotidiano. Poche righe per parlare di un incontro sul tram. Pagina dopo pagina riprende quella singola scena e cambia lo stile. Diventa pomposa, uditiva, americaneggiante, poetica, matematica, volgare… Una sperimentazione della grammatica e della lingua, della fantasia e le figure retoriche che mostra quanto si può giocare con le parole. Sorprendente!

UNA FAMIGLIA AMERICANA di Joyce Carol Oates
(more than 500 pages, female author, made you cry, by an author you’ve never read before)
I Mulvaney. Una numerosa famiglia dell’america rurale del secolo scorso con uno stretto legame e una forte identità (di gruppo e di ognuno dei suoi membri). Ma un terribile avvenimento capitato all’unica figlia femmina (all’inizio il libro sta sul vago, ma tutti i lettori già sanno di che evento si tratterà) sconvolgerà gli equilibri e le relazioni per i decenni a venire.
Una bella lettura. In un paio di punti c’era da lottare per non piangere sulla metropolitana *___*

BOOM di Mark Haddon
(one-word title, by an author you love that you haven’t read yet, set in high school, you own but you never read)
L’autore è quello de Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte (che adoro). Avevo il libro da qualche mese sullo scaffale e ho deciso che era il momento di leggerlo. Si potrebbe finire in un solo giorno, ma non ce l’ho fatta. Di che parla? Di un ragazzino che sente per caso due professori che parlano in una lingua sconosciuta. Saranno stranieri? O forse alieni? Un libro simpatico e senza impegno. Carino.

DEADLY HEAT di Richard Castle
(mystery or thriller, set somewhere you’ve always wanted to visit,  based or turned into a TV show)
Adoro la serie tv Castle, non potevo non avere i libri su Nikki Heat. Solitamente non leggo thriller, ma a questi non ho saputo resistere, anche se di solito tra il momento in cui li compro (per puro collezionismo da fan) e quello in cui li leggo passa spesso diverso tempo. Complice un ritorno di fiamma per la serie tv (gli ultimi due episodi sono stati davvero simpatici), mi sono ributtata anche su quella di libri. Per gli amanti della serie è un vero divertimento cogliere i richiami e le citazioni.

IMG_0550

Mi dico soddisfatta di questo primo mese. Ora ho già recuperato due libri in biblioteca che saranno le mie prossime letture. La sfida è appena cominciata. E continua!

* categorie che valgono per la gran parte dei libri che leggo

Read Full Post »